Definizione del requisito di controllo

Si considerano controllate le società ed enti di ogni tipo, con o senza personalità giuridica, non residenti nel territorio dello Stato, le cui azioni, quote, diritti di voto e di partecipazione agli utili sono posseduti direttamente o indirettamente dalla società controllante per una percentuale superiore al 50% da determinarsi relativamente alla società controllante e alle società controllate residenti, tenendo conto dell’eventuale demoltiplicazione prodotta dalla catena societaria di controllo.

Le partecipazioni devono sussistere alla fine dell’esercizio del soggetto controllante. Tuttavia i redditi e le perdite prodotti dalle società cui tali partecipazioni si riferiscono sono esclusi dalla formazione della base imponibile di gruppo nel caso in cui il requisito del controllo si sia verificato entro i sei mesi precedenti la fine dell’esercizio della società controllante.

Richiedi gli appunti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


sei + = 12

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>