Specializzazione territoriale e settoriale in Italia

La specializzazione territoriale: aree territoriali in cui sono concentrate attività produttive di grandi imprese e di piccole imprese.

La specializzazione settoriale: esistono settori a prevalenza di grandi imprese e di piccole imprese perché esistono condizioni produttive diverse dal modello della specializzazione flessibile.

La tripartizione del sistema industriale italiano:

  • Economia Centrale: Regioni del Nord-Ovest con la Grande Impresa;
  • Economia Periferica: Regioni Centro-Nord-Est con piccole medie imprese;
  • Economia Marginale: Regioni meridionali

La “geografia settoriale” dei distretti italiani

  • Meccanica = Emilia Romagna;
  • Tessile = Lombardia, Toscana (Prato);
  • Abbigliamento = Lombardia, Veneto e Marche;
  • Calzatura = Veneto (Montebelluna), Marche;
  • Ceramica = Emilia Romagna (Sassuolo, Carpi);
  • Oreficeria = Piemonte (Valenza), Veneto (Vicenza), Toscana (Arezzo);
  • Concia = Campania (Solfora), Toscana.

Distretto = localizzazione che dura nel tempo.

Caratteristiche:

  • Economie estese;
  • Conoscenze;
  • Innovazione;
  • Cooperazione concorrenza.

Richiedi gli appunti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


− tre = 2

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>