Costi d’impianto e di ampliamento

Voce B.II dello schema di Stato Patrimoniale. Rientrano in tale nozione:

  • I costi pre – operativi sia di tipo legale (costi per l’atto costitutivo, tasse) che di tipo più operativo (costi per iniziali ricerche di mercato)
  • I costi relativi ad ampliamenti successivi (costi per aumenti del Capitale Sociale)

Il documento numero 24 richiede poi di valutare se in presenza di costi d’impianto e di ampliamento gli esercizi futuri prevedano utili in gradi di coprire le quote di ammortamento relative a tali cespiti, oppure se sono previste perdite significative destinate a protrarsi per lunghi periodi. Nel primo caso la condizione della ricuperabilità è rispettata e i costi d’impianto potranno essere mantenuti tra le attività. Nel secondo caso invece l’inesistenza delle condizioni di ricuperabilità richiederà una loro svalutazione. Per il Codice Civile i costi di impianto e di ampliamento,andranno ammortizzati entro 5 anni.

Lascia un commento