Le principali amministrazioni pubbliche

Esse sono di emanazione dello Stato di emanazione di enti territoriali. Possono essere:

  • Senza personalità giuridica (significa forse che dipende da un altro ente);
  • Con personalità giuridica.

Senza personalità giuridica

  • Sono inserite nella struttura organizzativa delle Amministrazioni Pubbliche che hanno emanato Stato/regioni;
  • Hanno un patrimonio separato, ma formalmente distinto da quelle Amministrazione Pubblica che le ha emanate;
  • Il bilancio è conglobato in quello del Ministero/Regione con entrate e spese inerenti allo Stato/regioni.

Con personalità giuridica

  • Vengono istituite con un decreto (decreto istitutivo) che definisce:
    • Finalità da perseguire, fine istituzionale (ad esempio per l’università è fare didattica e ricerca; devo essere ben ligio e posso compiere attività di gestione correlate alla finalità);
    • Attività da svolgere;
    • Organi di cui avvalersi (per l’università sono: senato accademico, direttore amministrativo, docenti, personale tecnico – amministrativo);
    • Modalità di finanziamento, contenuti nello Statuto (per essere modificato deve esserci l’approvazione del Ministero).
  • Vengono predisposti per il funzionamento diversi regolamenti tra i quali:
    • L’organizzazione;
    • L’amministrazione;
    • La finanza;
    • La contabilità.

Senza personalità giuridica

  • Amministrazioni autonome:
    • Amministrazioni autonome dei monopoli di Stato;
    • Amministrazione degli archivi notarili;
    • Istituto agronomico per l’oltremare;
  • Fondo edifici di culto;
  • Agenzie quali le agenzie per la proprietà industriale;
  • Authorities:
    • Authority per l’energia elettrica ed il gas (ENEL non è più pubblica ma tramite authorities si garantisce l’equità nella distribuzione del servizio).

Con personalità giuridica

  • Enti pubblici economici (fino anni ’90 tutto il settore bancario italiano erano tutti enti pubblici economici): possono essere inserite in questo contesto le agenzie del demanio (spiagge, fiumi, beni immobili)
  • Enti pubblici non economici quali:
    • Università (7% in Italia);
    • CNR;
    • Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia;
    • Ente parco (è quello delle cinque terre, è così importante che lo ha emanato lo Stato)

NB: Economici: devono lavorare in modo economico quindi in modo simile alle imprese. Non economici: lavorano con altre logiche.

  • Agenzie quali:
    • Delle entrate (segue il prelievo fiscale e manda i soldi a Roma e poi Tremonti con il progetto di legge finanziaria li distribuisce. È la legge più importante, con quella vengono distribuiti tutti i soldi);
    • Delle dogane;
    • Del territorio (è una agenzia che c’è in ogni capoluogo di provincia. Se l’Ateneo vuole vendere un bene ed essendo pubblico serve una valutazione e serve una agenzia che faccia la valutazione);
    • Spaziale;
  • Authorities quali:
    • CONSOB (sta attenta a quello che succede in borsa visto che quando un’impresa va in borsa ha un accesso diretto al risparmio privato. Non farmi influenzare dal bancario che mi dice “compra, compra!”)
  • Amministrazioni di emanazione degli Enti Locali, quali:
    • Istituzioni: senza personalità giuridica (istituzione membri del mare e della navigazione);
    • Aziende speciali: con personalità giuridica di diritto pubblico;
    • Consorzi: con personalità giuridica di diritto pubblico;
    • Agenzie: con o senza personalità giuridica;
  • Delle Agenzie con personalità giuridica;
  • Aziende sanitarie locali;
  • Ospedali;
  • Arsu;
  • Ente parco Portofino;
  • Arpal.

Richiedi gli appunti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


1 × = due

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>