La rilevazione delle operazioni

Come avviene

Il sistema di contabilità finanziaria:

  • Considera solo l’aspetto finanziario della gestione.
  • Rileva entrate e spese nelle loro diverse fasi aventi rilevanza giuridico – amministrativa (a differenza della contabilità delle imprese viene considerato un solo aspetto).
  • Si fonda sul metodo della partita semplice (l’insieme delle regole che devono essere seguite nel momento delle rilevazioni fanno sì che non si abbia l’uguaglianza tra accreditamenti ed addebitamenti, ma abbiamo delle semplici annotazioni, movimenteremo una partita alla volta. Analogamente alla contabilità generale delle imprese abbiamo il libro mastro e il libro giornale.
  • Prevede scritture sistematiche a libro mastro (è organizzato per capitoli e in riferimento a ciascun capitolo devono essere rilevate tutte le fasi del capitolo di entrata o di spesa) e scritture cronologiche a libro giornale (nel libro giornale vengono riportati solo gli incassi e i pagamenti cioè in realtà è un libro di cassa). Quindi a differenza delle imprese il libro più importante è il mastro e non il giornale.

Libro mastro

Può essere unico se in uno stesso registro sono rilevati i capitoli di entrata e di spesa, invece può essere duplice (libro mastro delle entrate e libro mastro delle spese), e in alcuni casi 4 (entrate di competenza, poi libro dei residui attivi, mastro delle spese di competenza, poi libro mastro dei residui passivi).

Noi faremo con due.

Nel mastro delle entrate vengono in genere riportati per ciascun capitolo: lo stanziamento iniziale e le variazioni successive, le somme accertate, quelle riscosse e quelle versate. Quindi ci sono le tre fasi.

  • Provvedimento è il provvedimento che approva la variazione ed infine lo stanziamento aggiornato.
  • Gestione di competenza: nella riscossione c’è l’esplicitazione del soggetto debitore.

Gestione residui: quando si incassa un residuo può succedere che l’incasso sia maggiore del residuo ad esempio se applico una sanzione o degli interessi di mora oppure può essere inferiore se il residuo iniziale si è prescritto, oppure posso avere una estinzione del residuo se non posso più incassare l’ICI da un’impresa fallita.

Nel mastro della spesa, sono in genere riportati per ciascun capitolo: lo stanziamento iniziale iscritto in bilancio e le variazioni successive, le somme relative ad impegni, liquidazioni, ordinazioni e pagamenti.

La prima colonna della tabella è codice con stanziamento iniziale ed eventuali variazioni e poi sotto le varie fasi. A differenza di prima nella gestione residui c’è solo minori residui perché non si possono avere maggiori residui. Il residuo passivo può essere uguale o minore, sennò significa che spendo di più di quello che avevo pensato di fare.

Poi abbiamo l’elenco dei residui attivi e l’elenco dei residui passivi. Sono altri due registri che vengono tenuti.

Libro giornale cronologico delle reversali di incasso e del mandati di pagamento. Le reversali sono i documenti che permettono l’incasso, il mandato invece dà il permesso al tesoriere di pagare una certa cifra ad un certo soggetto.

Possono esistere anche altri eventuali registri utili per la completa rilevazione dei fatti di gestione (libro della prenotazione dell’impegno, prenoto l’impegno così intanto nessuno me lo può togliere).

Richiedi gli appunti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


− quattro = 0

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>