La gestione dei residui

I residui attivi e passivi di competenza di fine esercizio nell’anno successivo possono essere:

  • Riaccertati o reimpegnati per lo stesso importo (vedo un pò il credito come è messo, vedo che non ho più il diritto oppure che invece dovrei riuscire a prenderli i soldi);
  • Stralciati totalmente o parzialmente (totalmente se mi rendo conto che è inutile che insista su quel credito perché mi rendo conto che ha ragione lui. Parzialmente invece se gli ho detto che doveva pagare 2.000 invece per la fascia in cui è doveva pagare 1.000)

Diseconomie o economie in conto residui

I soli residui attivi possono essere integrati (se ho un credito nei confronti di una persona spesso maturano gli interessi di mora quindi ho credito per 1.000 + interessi di mora. Quindi devo fare un’integrazione).

E’ fatto divieto integrare i residui passivi: io non ho pagato, non ho liquidato. Perché? Se non avessi liquidato una certa uscita perché c’è un contenzioso, Feltrinelli ha portato fattura ma i libri non sono arrivati quindi la zucca non fa mandato di pagamento quindi si forma un residuo passivo e a fronte di questo può darsi che Feltrinelli si arrabbi e Feltrinelli vuole anche gli interessi, se si scopre che Feltrinelli aveva ragione allora devo fare un nuovo stanziamento di spesa, non posso integrare un residuo passivo.

Richiedi gli appunti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


− otto = 0

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>