Indici di bilancio consuntivi (Rendiconto Finanziario)

Sempre nell’ipotesi in cui siamo nel modello burocratico – formale abbiamo degli indici da analizzare.

Principali indicatori

  • Indicatore di capacità previsionale (gli organi hanno previsto giusto o hanno sballato tutto).
  • Indici di funzionalità operativa.
  • Indici di dipendenza/autonomia finanziaria (quanto dipendo dai trasferimenti del ministero).

Indici di capacità previsionale: grado di attitudine delle previsioni.

Indici di funzionalità operativa: avendo stanziato determinate entrate, quante di queste entrate sono state accertate?

  • Indici di capacità di accertamento e di impegno;
  • Indici di capacità di riscossione, di pagamento e di smaltimento dei residui.

Indici di dipendenza finanziaria:

  • Indice di composizione delle entrate (si prendono tutte le entrate e si va a vedere come sono composte e si vede quante entrate dipendono da trasferimenti, quante dipendono da ricerca venduta alle imprese, quante da contributi studenteschi);
  • Indice di dipendenza finanziaria (percentuale dei trasferimenti ministeriali sul totale delle entrate);
  • Indice di autonomia finanziaria (è il complemento a 1 di quella prima).

Risultato di amministrazione cioè la capacità degli amministrativi se hanno fatto o meno quello che gli avevano detto i politici, non si va a vedere se hanno attivato buoni servizi. L’amministrativo deve essere capace ad attuare le scelte del politico.

Abbiamo un rendiconto finanziario (diverso dal rendiconto finanziario delle imprese che ci permette di vedere il cash flow) qui invece si rende conto delle fasi delle entrate e delle uscite. Nel rendiconto finanziario abbiamo gli stanziamenti e come si sono sviluppati.

Dal rendiconto si possono prendere dei valori che servono a costruire lo stato patrimoniale la parte del patrimonio finanziario. Poi c’è tutta l’altra parte del patrimonio che è patrimonio permanente che vede alla consistenza del patrimonio e le variazioni avute durante l’esercizio, ma questo è poco significativo perché non viene considerato il fondo ammortamento.

Questo scarso significato del patrimonio ha preoccupato il ministero delle finanze visto che riceviamo pressioni dall’Europa sulla consistenza del debito allora vogliono una maggiore attenzione al patrimonio da parte delle amministrazioni pubbliche.

Maggiore attenzione alla rappresentazione del patrimonio

Le AP ai fini di poter aver conoscenza del reale patrimonio pubblico a valori di mercato, devono entro il 31/01 di ogni anno dare informazioni su:

  • Beni immobili a qualunque titolo detenuti;
  • Partecipazioni (quote o azioni di società e/o enti) possedute direttamente o indirettamente valutate col metodo patrimoniale o reddituale o quotazione di borsa ove possibile.

Lo Stato se ne sta rendendo conto che lo stato patrimoniale era poco significativo. Questo lo fa perché una AP che è soggetta a dei vincoli, non può spendere più del 90% nel personale allora le AP per eludere questi vincoli potrebbero fondare un ente e poi far eludere questi vincoli dalla partecipata e fare indebitare lei o fare assumere lei. Attenzione al patrimonio il ministero comincia finalmente a percepirla.

Richiedi gli appunti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


6 + = undici

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>