La prestazione patrimoniale

La prestazione patrimoniale imposta: l’art.23 della Costituzione dice che nessuna prestazione personale o patrimoniale può essere imposta se non in base alla legge. Occorre cioè una base legislativa per imporre prestazioni patrimoniali o personali imposte. Es. la prestazione personale imposta è quella che incide sulla nostra libertà come il servizio militare. Il significato della norme è che il servizio militare può essere imposto solo con legge. Una regola così è una regola di moderna democrazia ed esprime un principio istituzionale perché nel parlamento è rappresentata tutta la collettività. No taxation without rapresentation.

L’aspetto operativo di tale prestazione può essere così riassunto. Guardando la norma dal punto di vista di un comprendere, questa norma ci aiuta a capire se l’imposizione di un qualcuno che ci richiede di pagare qualcosa, ebbene in questo caso dobbiamo chiederci se quella regola è o meno costituzionale cioè se risponde all’art.23 sennò va contestata di fronte al giudice. L’art.23 viene in rilievo per l’imposta ma anche per la sanzione. L’imposta è una prestazione coattiva a cui sono obbligato e deve incidere sul patrimonio poichè ha come funzione quella di ridurre il mio patrimonio. Pertanto deve rispondere di due requisiti: 1. La prestazione coattiva; 2. deve incidere sul patrimonio, modificandolo quantitativamente ma anche solo qualitativamente.

Un ulteriore esempio di patrimoniale imposta è il canone RAI: è o non è prestazione patrimoniale imposta? Cosa rientra dentro alla nozione di prestazione patrimoniale imposta? Ci serve capirlo perché poi questo ha certe conseguenze. La corte costituzionale in relazione alle sentenze riguardo all’art.23 ha così costruito la nozione di prestazione patrimoniale imposta. Vi rientrano tutte le entrate di diritto pubblico quindi sanzioni, prestiti forzosi, entrate parafiscali, tributi (imposte, tasse e contributi). Questa nozione ampia ci protegge di più. Ci fa entrare anche entrate di diritto privato (trasporto pubblico) nessuno mi impone quella prestazione patrimoniale di pagamento del servizio di trasporto.

Ma, invece, riconduce queste entrate alla nozione di prestazione patrimoniale imposta quindi devono essere imposte per legge: pertanto il prezzo del trasporto deve essere imposto con legge e non con libera contrattazione di mercato. La corte ha ritenuto che quando ci sono fatti indicativi del carattere autoritativo e coattivo allora non siamo in presenza di un corrispettivo ma di imposizione. Quali sono indici che ci fanno capire che siamo in imposizione? Il prezzo è stabilito autoritativamente di una parte, se siamo in monopolio pubblico, se sono inoltre servizi essenziali è diciamo imposta nel senso che non possiamo farne a meno. Quindi riguardo al canone RAI, anche se chiamato canone, per via di pronunce della corte costituzionale, è un’imposta quindi ci sono scritte le modalità per contestarlo, impugnare l’atto di fronte al giudice tributario. Il fatto di avere un televisore lo pago a prescindere se lo uso o no, quindi a prescindere dal tipo di attività.

Richiedi gli appunti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


quattro × 2 =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>