Il principio di legalità

La legge in senso formale, quindi la legge del parlamento, soddisfa il principio di legalità attraverso l’uso dei decreti legge e dei decreti legislativi che si usano spesso perché c’è fretta quando si ha bisogno di imposte e si fa veloce. Soddisfa anche la riserva di legge e la legge regionale. I regolamenti dell’unione europea che sono direttamente applicabili all’ordinamento interno e anche le direttive solo quelle che sono self – executing. La riserva di legge non soddisfa le norme di rango secondario. Un’imposta introdotta con un decreto ministeriale è anticostituzionale.

Ma tutta la disciplina tributaria deve obbedire alla riserva di legge? Essendo delle fonti di rango secondario, la riserva di legge è relativa e non assoluta; cioè non richiede che tutta la disciplina tributaria sia contenuta nella legge, ciò che deve essere contenuto nella legge sono alcune parti della disciplina e cioè tutte le norme tributarie che stabiliscono il presupposto d’imposta, lo stesso vale per i soggetti passivi. L’individuazione dei soggetti passivi è coperta da riserva di legge. Possono essere contenute in fonti secondarie le regole sulla determinazione della base imponibile e le aliquote però nella legge devono esserci i criteri direttivi riguardo a questi due aspetti.

Richiedi gli appunti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


9 + = quindici

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>