Effetti della dichiarazione

a) Ha una rilevanza procedimentale (cioè influisce sul procedimento), condiziona l’attività di controllo successiva (se siamo obbligati a presentare la dichiarazione e ciò nonostante non l’abbiamo presentata questo ha un effetto perché l’ufficio ha un allungamento dei termini per procedere al controllo su di noi (da 4 a 5 anni). Per il fatto che in dichiarazione il reddito dichiarato è molto lontano da quello che è fondatamente a noi attribuibile sulla base del tenore di vita che abbiamo l’ufficio ha la possibilità di ricorrere ad un metodo più invasivo che si basa su presunzioni cioè presume il nostro reddito sulla base del nostro tenore di vita.

b) Costituisce titolo per la riscossione delle imposte in essa indicate. Per riscuotere le imposte indicate in dichiarazione non ha necessità di emettere un altro atto, grazie alla dichiarazione noi dobbiamo pagare, non deve essere emesso nessun atto da parte dell’amministrazione finanziaria per farci pagare.

c) Costituisce titolo per il rimborso delle imposte in essa indicate a credito del contribuente (non devo presentare un ulteriore domanda di rimborso, è sufficiente l’aver fatto la dichiarazione); la dichiarazione può essere presentata: in via cartacea, tramite una banca o un ufficio postale, in via telematica per imprese e lavoratori autonomi questa modalità è obbligatoria direttamente o tramite un intermediario autorizzato (Caaf, associazioni di categoria, professionista iscritti ad albi tipo i commercialisti).

Richiedi gli appunti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


+ nove = 10

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>