Responsabilità sociale e piccole medie imprese

La RSI nelle Piccole Medie Imprese 

PMI: un ruolo di primo piano nell’economia europea (18 milioni).

Caratteristiche delle Piccole Medie Imprese che agevolano l’assunzione di politiche di RSI:

  • GESTIONE DEI COLLABORATORI attenzione a qualità del lavoro e ambiente di lavoro (flessibilità orario lavoro, formazione, trasparenza nei rapporti contrattuali, sistema di premi e incentivi, informalità nei rapporti, uguaglianza, eccetera).
  • COMUNITA’ LOCALI interventi diretti a rispondere alle esigenze e ai bisogni della comunità ospitante (ad esempio donazioni, sponsorizzazioni).
  • RAPPORTI CON FORNITORI E CLIENTI trasparenza ed eticità dei rapporti con gli stessi, attenzione alla salute e al benessere del cliente (investire sull’immagine, creazione di rapporti fiduciari).
  • GESTIONE RISORSE/AMBIENTE adozione di prassi rispettose dell’ambiente (utilizzo di materie prime provenienti da fonti rinnovabili o prive di residui inquinanti, uso di fonti energetiche alternative, riduzione emissioni inquinanti, eccetera).
  • SCARSITA’ DELLE RISORSE difficoltà reperimento risorse finanziarie e difficoltà nell’attrarre e/o trattenere i collaboratori più competenti e capaci.
  • STRUTTURA ORGANIZZATIVA SEMPLICE non solo nelle dimensioni ridotte, ma anche nelle funzioni e competenze presenti.
  • GESTIONE SPESSO ISTINTIVA, SPONTANEISTA iniziative di RSI hanno i caratteri dell’occasionalità, senza procedure di pianificazione e programmazione.
  • MAGGIORE VULNERABILITA’ ECONOMICA scarsa propensione in investimenti con ritorni nel medio lungo termine.

Aiutare le Piccole Medie Imprese ad una migliore comprensione dell’impegno sociale ed ambientale già posto in essere; promuovere lo scambio e la diffusione delle best practices (ad esempio, tramite pubblicazioni, librerie on-line di buone pratiche, eccetera) identificate con l’aiuto di studiosi, ricercatori e di organizzazioni rappresentative delle Piccole Medie Imprese o anche associazioni dei consumatori; facilitare sviluppo e diffusione di strumenti di semplice utilizzo e adatti alle esigenze delle Piccole Medie Imprese che intendano attuare o sviluppare ulteriormente azioni socialmente responsabili su base volontaria; attirare l’attenzione delle associazioni di categoria o di organismi d’aiuto e assistenza, per consentire loro la partecipazione alle azioni di sostegno alle iniziative di gestione responsabile in seno alle Piccole Medie Imprese; facilitare cooperazione tra Grandi Imprese e Piccole Medie Imprese nella gestione della responsabilità sociale e ambientale (gestione della catena di approvvigionamento, programmi di consulenza, eccetera).

Modalità di diffusione del concetto di RSI. L’importanza del settore di appartenenza, delle dimensioni aziendali e dell’orientamento dell’imprenditore nell’adozione di pratiche socialmente responsabili.

L’impegno in azioni e strumenti di responsabilità sociale

Opinioni in merito al bilancio sociale

Motivazioni che hanno portato all’adozione di pratiche di RSI

Effetti sulla gestione delle risorse umane

Responsabilità sociale dell’impresa considerata come un sistema, insieme di funzioni che interagiscono per conseguire un obiettivo.

Le risposte aziendali alle attese socio-ambientali degli stakeholders danno luogo alla RSI.

Le risposte riflettono valori etici, morali di chi governa.

Codici etici nell’impresa: codici di comportamenti ispirati a valori (onestà, integrità, affidabilità, fedeltà, equità, altruismo, rispetto verso terzi).

Attese sociali: da parte di imprese e consumatori (certificazione qualità)

RSI come dimensione strategica nel lungo periodo si ottengono risultati, anche se sono richiesti forti investimenti e se sono incerti i risultati. Alcuni ritengono che l’impresa non ha doveri morali, deve far profitto. Altri sono a favore di RSI perché l’impresa che massimizza il profitto genera reddito non solo per se anche per altri quindi è portatrice di benessere ed assolve funzione sociale. Esempio: NIKE 1996 articolo su giornale di palloni costruiti da minorenni, di conseguenza le azioni in forte calo e 1600 licenziamenti

RSI e OPPORTUNITA’ SOCIALI: come opportunità di sviluppo per l’impresa nel pianificare interventi sociali Bisogna tener conto delle aspettative di mercato, esser coerenti con linea di prodotti e reputazione mondiale dell’azienda. Che scelta fare? Per apportare il max beneficio occorre una strategia di CSR basata sulla catena del valore e sul contesto concorrenziale.

  • Sicurezza del prodotto
  • Istruzione e formazione
  • Risorse naturali e politiche dei prezzi per i fornitori

Richiedi gli appunti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


sei + 8 =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>