Le fonti statistiche ufficiali delle statistiche economiche e sociali

Ci focalizziamo sulle fonti delle statistiche ufficiali in ambito economico e sociale, in particolare ci soffermeremo su Istat ed Eurostat, sono le strutture che maggiormente vengono utilizzate. Sappiamo che l’Istat è principale ente produttore della statistica ufficiale in Italia. Lo sappiamo, l’abbiamo definita, sappiamo come è stata costituita e perché, quali sono le indagini principali che fa, ma come pubblica i dati? I canali sono gli stessi sia per l’Istat e per altri enti nazionali, nazionali esteri o internazionali di statistica. I canali sono sempre tre. Comunicati stampa brevi e frequenti relazioni di carattere anche mensile su alcuni fenomeni importanti. Ogni mese abbiamo le stime su disoccupazione, indice dei prezzi PIL eccetera, produzione industriale. Banche dati, dati che possono essere rianalizzati. Volumi e pubblicazioni annuali o studi monotematici di approfondimento. Gli stranieri a Genova. Un lavoro specifico sugli stranieri a Genova, per esempio. Inoltre, è importante che tutti i lavori delle statistiche pubblicate da enti che rientrano nel Sistan siano accompagnati dal curatore o dai curatori del volume. Se voi state cercando dei dati sul turismo, o sull’economia della cultura, e non trovate quello che cercate, su queste pubblicazioni, o su questi siti, trovate sempre il nome di un riferimento al quale potete chiedere approfondimenti. Oltre a questi, è possibile che vengano distribuiti dei micro dati. Già citati prima. Sono i dati relativi alle singole rilevazioni. Se si fa uno studio sugli accessi ai musei genovesi, è possibile che non solo venga detto quanti accessi sono stati fatti a Genova, ma anche che siano disponibili dati con accessi per ciascun museo in ciascun mese dell’anno. È un micro dato che non verrà pubblicato, non si può pubblicare sempre tutto quello che si raccoglie, ma se si fa uno studio di relazione tra i passeggeri sbarcati a Genova per le crociere e gli effetti sugli accessi ai musei genovesi ecco che dovete sapere mese per mese quanti sono stati gli sbarchi e l’accesso ai musei genovesi. Correlazione tra i fenomeni, dipendenza del numero dei musei e croceristi e potete provare a sviluppare un modello. Ci sono situazioni in cui i dati non sono pubblicati e non sono disponibili. Si può alzare il telefono e chiedere: sono uno studente Uni.Ge., tesi su questo, vorrei sapere se è possibile avere dati più dettagliati, micro dati, relativi a questi studi. Vi possono dire si, no, ci sono ma non potete averli perché coperti da privacy perché magari sono dati sanitari. Il problema principale che c’è con la produzione statistica ufficiale è di tempestività. I dati devono essere tempestivi. Perché se pensiamo al censimento 2001 è stato completato il 21/07/2005, ci sono voluti quattro anni per completare tutta la procedura censuaria. Ci sono problemi di tempestività nella produzione statistica ufficiale. Questa è la ragione per cui molto spesso vengono utilizzati questi documenti flash, comunicati stampa, di cui parlavamo prima, che anticipano studi più completi. Guardiamo il sito dell’Istat. Se voi fate www.istat.it, ottenete una pagina web fatta in questo modo. Ci siete mai andati sul sito Istat? È molto cambiato rispetto alla versione di due anni fa. Chi ha la vecchia presentazione vedrà cambiamenti. È cambiato profondamente come interfaccia. La navigazione può avvenire su più livelli. A sinistra ultime notizie, che cosa è stato pubblicato: elenco amministrazioni pubbliche, occupati disoccupati mensili, codici comuni provincia e regioni, ci sono una serie di news, ultime novità di dati e produzione statistica dell’Istat. Dopodiché c’è questa parte centrale in cui vi viene dato un grafico in tempo reale sui dati di una qualche caratteristica, in questo caso dovrebbero essere gli occupati. Ci sono altre opzioni che possono essere scelte. Abbiamo un banner che da notizie chiave e una forma di navigazione che potrebbe sfuggire: prodotti strumenti informazione, statistiche per regione ed argomento. Il sito dell’Istat è il primo riferimento per le statistiche ufficiali italiane. La home page contiene dati aggiornati sui temi di interesse economico e sociale. I grafici mostrano le serie storiche, rilevazione dello stesso fenomeno nel tempo a intervalli di tempo equi spaziati. Notizie e menu che permettono di trovare le notizie per regione e argomento. Se volete produzione statistica dell’Istat sulla Liguria, in alto a destra. Immaginiamo di prendere argomento. Strutture e competitività dell’impresa, ambiente energia, popolazione, condizioni economiche delle famiglie, prezzo, lavoro, cliccate la sopra e si apre la pagina relativa all’argomento con le ultime pubblicazioni relative all’argomento e grafici interattivi sull’argomento, in questo caso prezzi. Proviamo ad aprire conti economici trimestrali. Nel secondo trimestre 2012 il PIL cala dello 0,8% rispetto al trimestre precedente e del 6% in un anno. Notizia in breve andiamo a leggere sull’argomento. Clicco su conti economici trimestrali e si apre una

pagina sul documento con una prima descrizione: nel secondo trimestre 2012. Ogni sezione racchiude novità e studi approfonditi sugli anni precedenti. Ad ogni analisi vengono associati vari documenti. Testo integrale (nella colonna al centro), serie storica, triangoli di revisione, scheda di revisione. No nel dettaglio per i triangoli di revisione. Sono tutti documenti che vanno associati ad un unico soggetto. Se guardate li in fondo, sono indicati numeri telefonici. Se volete avere informazioni aggiuntive trovate l’e-mail e il numero di telefono per contattare la persona.

Richiedi gli appunti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


uno + = 9

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>