Le azioni proprie

La prima questione affrontata dal documento numero 20 riguarda i requisiti necessari per attribuire alle azioni proprie la qualifica di immobilizzazioni. Sono immobilizzate quelle azioni proprie che l’organo di amministrazione ha deciso espressamente di mantenere in portafoglio per una durata di tempo superiore all’esercizio,negli altri casi sono da considerarsi circolanti. Le azioni proprie devono essere iscritte al costo nell’attivo dello Stato Patrimoniale e contestualmente deve essere iscritta una riserva per acquisto azioni proprie da inserire nella voce A.V nel passivo dello Stato Patrimoniale. La riserva per azioni proprie è indisponibile (si suppone che non sia utilizzabile neanche per la copertura delle perdite) e deve essere mantenuta in contabilità fin tanto che ci sono azioni proprie i portafoglio.

LE REGOLE DI VALUTAZIONE

Finché le azioni proprie permangono in portafoglio,per la valutazione è rilevante che le azioni siano immobilizzate o meno. Se immobilizzate la regola stabilita è di mantenere il valore di costo con eventuale svalutazione di perdite durevoli; secondo il documento numero 20. Tale svalutazione comporta una conseguente svalutazione della riserva acquisto azioni proprie che deve essere collocata nell’area D del Conto Economico. Se invece le azioni proprie sono disponibili,la valutazione deve essere fatta al minore tra il valore di costo e il valore di marcato. Anche per questo caso valgono le stesse considerazioni per la collocazione in bilancio della svalutazione e per le conseguenze sulla riserva azioni proprie.

L’ELIMINAZIONE DELLE AZIONI PROPRIE

Le azioni proprie sono eliminate dal bilancio a seguito di annullamento o di vendita sul mercato. Nel primo caso il loro valore si contrappone ad una riduzione del Capitale Sociale. In caso di vendita invece l’eventuale plusvalenza o minusvalenza deve essere collocata nel gruppo C del Conto Economico, specificando in Nota Integrativa l’ammontare degli utili o perdite derivanti dalla vendita ed i conti nei quali sono inseriti.

Richiedi gli appunti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


8 × = otto

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>