Debiti relativi all’azienda ceduta

La norma di riferimento, in materia di debiti relativi all’azienda ceduta, è rappresentata dall’articolo 2560 codice civile, la quale stabilisce i criteri disciplinari applicabili alla generalità delle passività aziendali.

Ad essa si affiancano poi:

  • Il disposto dell’articolo 2112 del codice civile, con specifico riferimento alle passività aziendali rappresentate da crediti vantati da lavoratori dipendenti,
  • Il disposto dell’articolo 15 del DPR numero 1124/1965, con specifico riferimento alle passività aziendali rappresentate da premi e relativi accessori dovuti agli enti di assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro.

Disciplina “generale”

Nella cessione d’azienda, il passaggio dal cedente al cessionario delle passività relative all’azienda ceduta è regolato, a livello di principio generale, dall’articolo 2560 codice civile, ai sensi del quale “L’alienante non è liberato dai debiti inerenti all’esercizio dell’azienda ceduta anteriori al trasferimento, se non risulta che i creditori vi hanno acconsentito.

Nel trasferimento di un’azienda commerciale risponde dei debiti suddetti anche l’acquirente dell’azienda, se essi risultano dai libri contabili obbligatori”.

Debiti relativi al personale dipendente

Il comma 2 dell’articolo 2112 codice civile prevede una responsabilità solidale tra cedente e cessionario per i crediti che i lavoratori vantano nei confronti del datore di lavoro alla data del trasferimento dell’azienda.

Ne deriva che i lavoratori dipendenti relativi a un complesso aziendale trasferito possono indifferentemente chiedere il pagamento delle proprie spettanze, esistenti alla data del trasferimento dell’azienda, sia al cedente che al cessionario, a prescindere dalle pattuizioni tra le parti nel contratto di cessione di azienda e del fatto che tali debiti risultino o meno dai libri contabili obbligatori.

Debiti per premi INAIL

Ai sensi dell’articolo 15 del D.P.R. numero 1124/1965, in caso di trasferimento dell’azienda a titolo traslativo della proprietà, l’acquirente è solidalmente obbligato, salvo regresso, con l’alienante per i premi ed i relativi accessori riferiti all’anno in cui avviene detto trasferimento e ai due precedenti.

Tale presupposto trova applicazione a prescindere dal fatto che i debiti risultino dai libri contabili obbligatori (Cassazione civile, sezione lavoro, sentenza del 29/03/1995, numero 3752).

Richiedi gli appunti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


× nove = 18

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>