Accertamenti presuntivi per sovrafatturazione di compensi

Nell’ambito di controlli incrociati o verifiche a società che hanno avuto rapporti con professionisti, può accadere che l’Ufficio contesti l’esosità della prestazione professionale fatturata, in taluni casi ritenuta sovrafatturata o gonfiata e quindi suscettibile di integrare la dichiarazione fraudolenta mediante utilizzo di fatture in parte inesistenti per chi ha dedotto il costo e l’emissione di fattura parzialmente falsa per chi ha emesso il documento (il professionista).

Ai fini della difesa, sarà utile precisare che:

  • La sovrafatturazione della prestazione deve essere concretamente provata, non potendosi limitare a sostenere che il suo valore sia esoso rispetto ai prezzi di mercato (Corte di Cassazione, sentenza n.920/2012);

  • La prestazione di natura intellettuale sfugge ad una rigida logica di congruità e che, pertanto, non può essere confrontata con i costi di mercato;

  • È realmente avvenuto il pagamento della somma fatturata dalla società al conto del professionista.

 

Richiedi gli appunti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


5 − cinque =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>