Accertamenti presuntivi per omessa fatturazione di compensi

Frequente è il caso in cui l’Amministrazione Finanziaria (AF) contesti in capo al professionista una omessa fatturazione o sotto fatturazione di compensi a seguito di controlli operati in Ufficio, attraverso l’invio di questionari a clienti o sulla base di ricostruzioni statistiche (medie dei ricavi della categoria in quel luogo, eccetera).

Ai fini della difesa, occorre far rilevare:

  • L’eventuale congruità agli studi e la contraddittorietà della pretesa erariale che, in concreto, nega attendibilità agli studi elaborati dalla stessa Agenzia delle Entrate;
  • L’assenza di ulteriori riscontri da parte dei verificatori (contabilità non ufficiale, annotazioni, versamenti in contante sul conto, eccetera) e, dunque, la carenza di presunzioni gravi, precise e concordanti.

 

Richiedi gli appunti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


due − = 1

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>